Google Chat - Hangouts

Google Chat sostituirà Hangouts nel 2021

L'azienda di Mountain View ha comunicato che, partire dalla prima metà del 2021, inizierà la transizione da Hangouts a Google Chat (gratuito per tutti).

L’azienda di Mountain View ha annunciato l’ennesimo cambio di strategia per i suoi servizi di messaggistica. A partire dal 2021, Google Chat diventerà gratuito per tutti (non solo per gli abbonati a Google Workspace), quindi gli utenti dovranno gradualmente abbandonare Hangouts (che finirà nel cimitero dei prodotti “uccisi” da Google).

Google Hangouts, originariamente incluso in Google+, è diventato un servizio standalone nel 2013. La versione business, parte della G Suite (oggi Google Workspace), è stata successivamente divisa in due parti: Hangouts Chat e Hangouts Meet (oggi noti come Google Chat e Google Meet). La versione consumer (classic) di Hangouts esiste ancora, ma il suo destino è segnato.

Hangouts verrà infatti sostituito da Google Chat che, nel corso del 2021, sarà disponibile gratuitamente per tutti, sia mediante l’app standalone che all’interno di Gmail. Chat offre alcune funzionalità di Hangouts, come i messaggi diretti e di gruppo, ai quali si aggiungono la ricerca veloce, le reazioni con emoji e le risposte suggerite. Chat offre inoltre funzionalità di condivisione e collaborazione, l’assegnazione di attività e protezione contro il phishing tramite la tecnologia Safe Browsing.

La transizione graduale da Hangouts a Chat inizierà nella prima metà del 2021. Google fornirà tutte le informazioni e le guide necessarie per la migrazione di conversazioni, contatti e cronologia.

Ci saranno anche cambiamenti per gli utenti di Google Fi e Google Voice che usano Hangouts per effettuare chiamate ed inviare SMS. Nel 2021 verrà infine eliminata la possibilità di effettuare chiamate verso numeri di telefono tradizionali (il credito verrà rimborsato). Per le videochiamate di gruppo verrà utilizzato Google Meet.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.