GeForce Now

GeForce NOW, un milione di utenti ma senza i giochi Bethesda

Il servizio di streaming videoludico GeForce Now raggiunge subito un importante traguardo, mentre Bethesda decide di rimuovere la quasi totalità dei suoi titoli dalla nuova piattaforma.

A pochi giorni dal debutto ufficiale della versione consumer di GeForce NOW, NVIDIA fa le sue prime stime post-lancio e accusa un nuovo colpo sul fronte dei publisher interessati a supportare la piattaforma. Il numero di utenti è cresciuto sensibilmente, rivela la corporation, ma Bethesda ha deciso di abbandonare quasi del tutto il servizio.

Sono più di 1.500 i giochi già disponibili su GeForce NOW, ha rimarcato NVIDIA, e da quando ha lasciato lo stato di beta il servizio può ora contare su più di un milione di giocatori che hanno sottoscritto un account gratuito oppure a pagamento (con 90 giorni di prova gratuita). GeForce NOW funziona in maniera diversa rispetto allo streaming della concorrenza (vedi Google Stadia), visto che permette agli utenti di accedere ai giochi che hanno già acquistato sulle piattaforme digitali per PC.

Videogiochi violenti, DOOM

La partenza di GeForce NOW sarebbe tutto sommato positiva, se non ci fosse da considerare il peso specifico di publisher come Activision Blizzard che hanno deciso di abbandonare – forse solo temporaneamente – la piattaforma. La lista dei “disinteressati” si è ora arricchita con Bethesda, colosso che può contare su alcuni dei più importanti marchi videoludici oggi in circolazione come l’immarcescibile DOOM.

A esclusione di Wolfenstein Youngblood, ha rivelato NVIDIA, il resto dei giochi pubblicati da Bethesda Softworks è stato rimosso dalla lista dei titoli supportati da GeForce NOW. Il publisher statunitense è evidentemente interessato ad accordi molto più lucrosi (ancora, Google Stadia), mentre NVIDIA rilancia anticipando alcune delle novità del prossimo futuro come il debutto dell’atteso Cyberpunk 2077 nello stesso gioco di uscita nei negozi – e con tanto di supporto agli effetti ray tracing per le GPU della linea RTX.

PCProfessionale © riproduzione riservata.