GPU

GPU desktop, magazzini pieni per colpa delle cripto-monete

Le ultime stime sul business delle GPU discrete per PC desktop descrivono un mercato in forte ridimensionamento. La sbornia del cripto-mining è oramai passata, e il dopo-sbornia non sarà piacevole per nessuno.

Oltre a generare una bolla speculativa peggiore della crisi delle Dot-Com negli anni 2000, Bitcoin e le altre monete virtuali hanno avuto effetti “droganti” anche per l’hardware informatico tradizionalmente dedicato alle applicazioni videoludiche: il mercato delle GPU è cresciuto in modo artificiale grazie all’utilità delle schede discrete per il mining di criptomonete, ma anche quella bolla è ora pronta a scoppiare.

A descrivere lo stato – calante – del mercato delle GPU discrete per PC desktop sono i numeri di Jon Peddie Research (JPR) riferiti al terzo trimestre dell’anno in corso: rispetto allo stesso periodo del 2017, nel 2018 il numero di GPU messe in vendita è calato del 16%; in confronto al trimestre precedente, invece, il crollo è stato misurato in -19,21%.

Bitcoin

I magazzini sono pieni di scorte di GPU invendute, sostiene JPR, e la causa principale di questo nuovo stato di cose è la fine della bolla del cripto-mining e il crollo del valore – e quindi dell’interesse verso il mining – di Bitcoin e delle altre criptomonete. Non solo: l’aumento delle tasse deciso da Donald Trump sui prodotti realizzati in Cina e l’andamento della borsa americana hanno altresì influito negativamente sulla commercializzazione di GPU discrete per computer fissi.

Gli effetti di questa piccola tempesta perfetta – bolla delle criptomonete, borsa e guerra commerciale Washington-Pechino – si faranno sentire anche nel corso del 2019, stima ancora JPR, sebbene nel complesso il mercato delle GPU continui ad andare bene: la commercializzazione è in aumento del 10,64% (rispetto al trimestre precedente), e anche il settore dei PC cresce (+8,22% trimestre-su-trimestre).

Per quanto riguarda le criptomonete, invece, il futuro è tutto nero: dopo essere crollato al di sotto dei $6.000, il valore dei Bitcoin continua la sua curva verso il baratro scendendo al di sotto dei $4.000.

PCProfessionale © riproduzione riservata.