GeForce Ampere

GeForce Ampere, il design delle nuove GPU NVIDIA

Un nuovo video pubblicato da NVIDIA conferma sostanzialmente quanto già noto fin qui sulle GeForce di nuova generazione: le GPU Ampere scalderanno tanto, avranno un nuovo design e anche un nuovo connettore di alimentazione a 12-pin.

NVIDIA continua a centellinare le informazioni in attesa del prossimo debutto delle GeForce Ampere, e questa volta la corporation californiana fornisce una quasi-conferma dei tanti rumor fin qui emersi sul design delle GPU GeForce RTX 3000. Un progetto complesso, quello delle schede Ampere, che ha richiesto l’adozione di soluzioni innovative per la gestione della dissipazione termica e dell’alimentazione.

Dal passato al futuro del marchio GeForce, NVIDIA ha ora condiviso un video sull’“arte e la scienza” necessarie alla progettazione di una scheda grafica moderna. Dedicata in particolare alle GeForce in versione Founders Edition, la clip presenta una serie di manager dell’azienda americana impegnati a descrivere il lavoro che intercorre nello sviluppo delle GPU di nuova generazione.

Il soggetto – mai evocato direttamente da NVIDIA – è ovviamente Ampere, un’architettura di GPU che ha richiesto la realizzazione di un nuovo sistema ottimizzato per tenere a bada il calore in eccesso prodotto dai co-processori grafici next-gen. Assieme alla dissipazione arriverà una struttura meccanica più robusta, e un design “senza compromessi” tra estetica ed efficienza energetica che in pochi frame rassomiglia molto a quanto fin qui visto nei rumor e nelle foto rubate su Twitter.

Le GeForce Ampere avranno poi bisogno di un’alimentazione molto più efficiente per gestire la grafica 3D di prossima generazione, e a tale riguardo NVIDIA ha fornito ulteriore conferma sulla presenza di un nuovo connettore a 12-pin al posto di quello classico a 8-pin. Un design di dimensioni più compatte ma che secondo la corporation fornirà maggiore energia elettrica alle affamatissime GPU Ampere.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.