Logo AMD

Mercato CPU, a novembre AMD batte Intel 2 a 1

Le ultime novità dell’e-retailer Mindfactory confermano, per l’ennesima volta, il momento più che felice della “piccola” AMD. La guerra contro il colosso Intel ha cambiato verso.

Le vendite di CPU AMD procedono a gonfie vele, al punto che stando ai dati di un rivenditore tedesco la corporation ha oramai accumulato un margine notevole sulla sua dirimpettaia di Santa Clara: le CPU AMD vendute mensilmente hanno più che raddoppiato quelle di Intel, suggerisce Mindfactory.de, e AMD ha ora surclassato Intel anche sul fronte dei ricavi complessivi.

Come già nel recente passato, i numeri dell’e-retailer teutonico sono stati compilati da un utente di Reddit; il risultato parla chiaro: a novembre, le CPU AMD hanno rappresentato il 69% delle vendite contro il 31% di Intel. AMD aveva già superato il colosso dei chip x86 a settembre (65%) e ad agosto (51%), mentre a luglio la partita con l’eterna rivale era finita in parità (50%).

Anche per quanto riguarda i ricavi, poi, AMD ha fatto meglio di Intel con un 56% del totale. Una cifra che a conti fatti dovrebbe però essere ben superiore, viste le proporzioni in gioco, e che quindi evidenzia come le singole CPU Intel continuino a fruttare molto di più rispetto ai modelli di AMD.

Per quanto riguarda i processori più popolari venduti a novembre da Mindfactory, sul fronte AMD troviamo Ryzen 5 2600 e Ryzen 7 2700X (prima e seconda posizione) mentre la CPU Core i7-8700K frutta a Intel la terza posizione complessiva.

Sia come sia i numeri di Mindfactory confermano l’ottimo stato di salute di AMD, un’azienda che solo qualche anno fa sembrava sull’orlo del fallimento ma che ora sembra potersela giocare alla pari col colosso Intel. Stretta fra AMD e persino ARM, Chipzilla deve fare i conti con un mercato “ostile” e le note difficoltà tecnologiche sperimentate per il passaggio al nuovo nodo produttivo (10nm). E nel prossimo futuro non andrà certo meglio, visto che AMD ha già pronta la sua prima architettura a 7nm (Zen 2) in arrivo nel 2019.

PCProfessionale © riproduzione riservata.