Microsoft 365

Microsoft 365, ecosistema-come-servizio anche per utenti consumer

Redmond lavora su un nuovo bundle omnicomprensivo per l’utenza consumer, un’offerta che include Windows, Office e molto altro. E che “scade” se non si rinnova l’abbonamento.

Microsoft è da tempo impegnata a traghettare l’utenza verso le nuove sorti magnifiche e progressive del cloud, con una piattaforma “always-on” dove le aziende pagano un abbonamento in proporzione al numero di impiegati ottenendo in cambio l’accesso a una parte considerevole dell’offerta software della corporation. Quello stesso tipo di abbonamento cloud sarebbe ora in arrivo sui PC degli utenti consumer, dicono le indiscrezioni.

La notizia non è confermata ma si basa su due nuovi annunci per la ricerca di personale a Redmond, un Product Manager e un Senior Product Manager per un “Abbonamento Consumer Microsoft 365”: i due nuovi manager dovranno analizzare le esigenze dell’utenza potenziale e i trend di mercato, costruire un target per il prodotto e sviluppare un business plan completo per trasformare il suddetto abbonamento consumer in realtà.

L’attuale offerta Microsoft 365 comprende il sistema operativo Windows 10, Office 365, Enterprise Mobility ed è rivolto esclusivamente al mercato enterprise, con un costo di partenza da €16,90 per utente; diversamente dal software stand-alone, il pacchetto Microsoft 365 ha una data di scadenza: se non si rinnova l’abbonamento, i software inclusi “scadono” e non possono essere utilizzati nel pieno delle loro funzionalità.

Software con la scadenza

Per avere un’idea di cosa voglia dire usare il software ad abbonamento, basta considerare l’attuale comportamento di Office 365: allo scadere del termine, le applicazioni di produttività entrano in “modalità lettura” e tali resteranno fino al rinnovo dell’abbonamento.

Microsoft è in ogni caso focalizzata sul nuovo approccio cloud a Windows, Office e a qualsiasi altra cosa, ben consapevole del fatto che un abbonamento che si rinnova nel corso del tempo vale economicamente più della vendita di qualsiasi volume di licenze Windows soprattutto in ambito aziendale.

L’offerta Microsoft 365 per consumatori standard (che per Microsoft sono i “professionisti” più avanzati ed evidentemente innamorati dell’ecosistema software di Redmond) potrebbe includere Windows 10, Office 365 Home, Skype, Cortana, Bing, Outlook Mobile e altro ancora. Non è prevista, almeno per il momento, la scomparsa delle licenze individuali (e senza scadenza incorporata) dei singoli prodotti software inclusi nel bundle.

PCProfessionale © riproduzione riservata.