HarmonyOS

HarmonyOS, primo smartphone Huawei nel 2021

Il CEO Richard Yu ha confermato che il primo smartphone Huawei con il sistema operativo HarmonyOS verrà annunciato nel corso del 2021.

HarmonyOS è stato annunciato l’anno scorso durante la conferenza riservata agli sviluppatori. Richard Yu, CEO di Huawei, ha confermato che la seconda versione del sistema operativo verrà presentata il 10 settembre alla Developer Conference 2020 e che il primo smartphone con HarmonyOS arriverà sul mercato nel corso del 2021.

HarmonyOS rappresenta il piano B del produttore coreano. L’amministrazione Trump ha vietato ogni accordo commerciale tra le aziende statunitensi e Huawei, quindi Google non può concedere la licenza per installare Android sui nuovi dispositivi. Recentemente è scaduta anche quella che consentiva la distribuzione degli aggiornamenti per i vecchi dispositivi (ma Huawei ha promesso che garantirà il supporto).

HarmonyOS è basato su microkernel, quindi può essere facilmente adattato per ogni tipo di dispositivo. Il primo prodotto commerciale è stata la serie Vision TV di Honor. La versione 2.0 che verrà annunciata giovedì troverà posto su smartwatch, fitness tracker, PC e automobili. La versione 3.0, attesa nel 2021, aggiungerà il supporto agli smartphone. Ulteriori informazioni in merito verranno sicuramente divulgate durante la conferenza. Sono attesi inoltre dettagli su EMUI 11 e HMS Core 5.0 (i servizi che sostituiscono i Google Play Services nei recenti dispositivi Huawei e Honor).

Il CEO ha confermato che TSMC non accetterà più ordinativi dal 15 settembre (a causa delle restrizioni USA), quindi il Kirin 9000 (che verrà integrano nella serie Mate 40) sarà l’ultimo processore Kirin. Alcune fonti hanno rivelato che le fabbriche di TSMC lavorano a pieno regime (h24) per realizzare il maggior numero di Kirin 9000 a 5 nanometri, in modo da soddisfare l’intera domanda del produttore cinese.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.