Honor 30 Pro+

Honor V40, quattro modelli con quattro SoC diversi?

Secondo fonti cinesi, i quattro smartphone della serie Honor V40 (attesi a gennaio) integreranno processori di MediaTek, Samsung, Qualcomm e HiSilicon.

Honor non è più alle dipendenze di Huawei, quindi si prevedono importanti vantaggi da questo “divorzio”. Uno di essi potrebbe essere la fornitura di processori Snapdragon da Qualcomm. Ma secondo le ultime indiscrezioni, gli smartphone della nuova serie Honor V40 integreranno anche processori MediaTek Dimensity, Samsung Exynos e HiSilicon Kirin.

La serie Honor V viene distribuita in Europa come Honor View. In Italia non sono ancora arrivati i modelli della serie Honor View 30, quindi ci sono poche probabilità di trovare i futuri Honor View 40. In ogni caso per la corrispondente serie Honor V40 (che verrà venduta in Cina) si prevedono due importanti novità. La prima è il possibile accordo con Qualcomm per la fornitura di processori Snapdragon. Il Presidente Cristiano Amon ha confermato l’avvio di un dialogo tra le due aziende.

La separazione da Huawei dovrebbe comportare l’esclusione di Honor dalla famigerata Entity List del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, per cui non ci sarebbe più il divieto di utilizzare i chip di Qualcomm e i servizi di Google sui futuri smartphone. Occorre però attendere il nulla osta da parte del governo statunitense.

In base alle ultime indiscrezioni, la serie Honor V40 sarà composta da quattro smartphone, ognuno dei quali integrerà un processore differente. Si ipotizzano i MediaTek Dimensity 1000+ per Honor V40, Samsung Exynos 1080 per Honor V40 Pro, Qualcomm Snapdragon 888 per Honor V40 Pro+ e HiSilicon Kirin 9000 per Honor V40 Commemorative Edition.

Si tratta ovviamente di una notizia non confermata. Nelle prossime settimane dovrebbero arrivare ulteriori informazioni. L’annuncio della serie Honor V40 è prevista per gennaio 2021.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.