Huawei Mate 40 Pro render

Huawei Mate 40 Pro, design e possibili specifiche

Il nuovo Huawei Mate 40 Pro, atteso per il 22 ottobre, dovrebbe avere uno schermo OLED da 6,7 pollici, processore Kirin 9000, 8 GB di RAM e tre fotocamere posteriori.

Il produttore cinese si prepara al lancio della serie Huawei Mate 40, l’ultima equipaggiata con un processore Kirin. In attesa della conferma ufficiale, il noto leaker Roland Quandt ha pubblicato alcuni render e le principali specifiche del Mate 40 Pro. Gli altri modelli dovrebbero essere Mate 40 e Mate 40 Pro+.

In base alle immagini, il nuovo Huawei Mate 40 Pro dovrebbe avere uno schermo curvo ai lati e cornici piuttosto sottili. Secondo il leaker, Huawei utilizzerà un pannello OLED con diagonale di 6,76 pollici e risoluzione di 2772×1344 pixel. Nell’angolo superiore sinistro ci sono due fori per le fotocamere frontali (sensori da 13 megapixel e 3D). Lo smartphone integrerà il processore Kirin 9000 a 5 nanometri, l’ultimo realizzato da TSMC per conto di Huawei. Il ban imposto dall’amministrazione Trump ha interrotto la collaborazione tra le due aziende.

Huawei Mate 40 Pro render

La dotazione hardware dovrebbe comprendere inoltre 8 GB di RAM e 256 GB di storage UFS 3.1. All’interno del modulo fotografico posteriore di forma circolare ci sono tre lenti Leica. Per i sensori si prevedono risoluzione di 50, 20 e 12 megapixel (standard, ultra grandangolare e tele con zoom 5x).

La connettività verrà sicuramente garantita dai moduli WiFi 802.11ax (Wi-Fi 6), Bluetooth 5.2, GPS, Galileo, NFC, LTE e 5G. Non mancano il lettore di impronte digitali in-display e la porta USB 3.1 Type-C. La batteria da 4.400 mAh supporta la ricarica rapida da 65 Watt.

Il sistema operativo sarà probabilmente Android 10 in versione open source con interfaccia EMUI e Huawei Mobile Services, tra cui lo store AppGallery. Almeno due i colori per il mercato europeo: nero e argento.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.