Samsung Galaxy Z Foild 2

Samsung annuncia il Galaxy Z Fold 2

Il Galaxy Z Fold 2 ha uno schermo interno da 7,6 pollici, uno schermo esterno da 6,2 pollici e cinque fotocamere (una interna, una esterna e tre posteriori).

Insieme ai Galaxy Note 20 e Note 20 Ultra, Samsung ha presentato il Galaxy Z Fold 2, seconda versione del noto smartphone pieghevole. Il produttore coreano non ha fornito tutte le informazioni sul nuovo modello, in quanto è previsto un evento dedicato il 1 settembre. In ogni caso arriverà sicuramente in Italia, come conferma la pagina ufficiale.

Galaxy Z Fold 2

La prima novità dello smartphone è il nome. Samsung ha infatti aggiunto il numero 2 per indicare che si tratta del successore del Galaxy Fold, ma ha aggiunto anche la lettera Z per indicare che appartiene alla stessa famiglia del Galaxy Z Flip, del quale è stata recentemente annunciata la versione 5G.

Il Galaxy Z Fold 2 conserva “l’apertura a libro” con una cornice che unisce le due metà lungo il lato più lungo. Lo schermo interno OLED flessibile ha una diagonale di 7,6 pollici e un refresh rate di 120 Hz. Lo strato protettivo in plastica del Galaxy Fold è stato sostituito da un vetro ultra sottile (Ultra Thin Glass) che offre una maggiore resistenza ai graffi.

Samsuns Galaxy Z Fold 2

Invece del notch nell’angolo superiore destro c’è un foro in corrispondenza della fotocamera frontale (design Infinity-O). Lo schermo esterno ha invece una diagonale di 6,2 pollici, quindi permette di visualizzare più informazioni rispetto al display da 4,6 pollici del Galaxy Fold.

Come detto, Samsung non ha comunicato tutti i dettagli, ma il Galaxy Z Fold 2 dovrebbe integrare un processore Snapdragon 865 Plus, 12 GB di RAM, 256 GB di storage, due fotocamere da 10 megapixel e le stesse fotocamere posteriori del Galaxy Note 20 (12, 12 e 64 megapixel). Lo smartphone sarà disponibile nelle colorazioni Mystic Bronze e Mystic Black. È prevista inoltre la Tom Browne Edition che include anche Galaxy Watch 3 e Galaxy Buds Live.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.