Samsung display tri-fold

Samsung mostra display tri-fold e arrotolabile

Samsung Display ha mostrato uno schermo tri-fold che può essere piegato in tre parti e uno schermo che può essere arrotolato come una pergamena.

Samsung ha annunciato finora quattro smartphone pieghevoli: Galaxy Fold, Galaxy Z Fold 2 5G, Galaxy Z Flip e Galaxy Z Flip 5G. Caratteristica comune è lo schermo flessibile che copre le due parti del dispositivo unite tramite una cerniera. Samsung Display ha mostrato due possibili novità per i futuri smartphone, uno schermo tri-fold e uno schermo arrotolabile.

Display tri-fold

Nella prima immagine è possibile vedere uno smartphone simile al Galaxy Z Fold 2. Questo futuristico modello ha tuttavia due cornici lungo l’asse verticale che dividono lo schermo in tre parti (da cui il termine “tri-fold”). In pratica c’è uno schermo sempre visibile all’esterno, mentre gli altri due sono all’interno e sovrapposti quando lo smartphone è chiuso. Quando aperto si ottiene un’area di visualizzazione molto ampia, come nei tablet.

Samsung display tri-fold

Circa due anni fa, il produttore coreano aveva registrato un brevetto relativo ad uno schermo tri-fold, ma in quel caso le cerniere erano lungo l’asse orizzontale, come nel Galaxy Z Flip. L’immagine pubblicata da Samsung Display potrebbe rappresentare un indizio per il futuro, ma al momento non sono previste modifiche al design.

Display arrotolabile

Nella seconda immagine si può vedere invece un design più “estremo”, per il quale non si dovrebbe nemmeno usare il termine smartphone. Infatti lo schermo è arrotolabile e viene estratto da un dispositivo di forma cilindrica. Un simile display era stato mostrato da Samsung al SID 2018.

Samsung display arrotolabile

La tecnologia OLED permette già oggi di realizzare schermi “rollable”, come dimostra la TV presentata da LG. Vedremo nei prossimi mesi o anni se questi display verranno utilizzati in prodotti commerciali.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.