Samsung Galaxy Tab S7 render

Galaxy Tab S7+, processore Snapdragon 865 Plus?

Il Samsung Galaxy Tab S7+, atteso per il 5 agosto, dovrebbe avere uno schermo AMOLED da 12,4 pollici, processore Snapdragon 865 Plus e batteria da 10.090 mAh.

Durante l’evento virtuale Samsung Unpacked del 5 agosto potrebbero essere annunciati anche i nuovi tablet di fascia alta, dei quali sono apparsi online alcuni render. SamMobile ha ora ricevuto le specifiche complete del Galaxy Tab S7+ da fonti considerate affidabili. Tra le possibili novità spicca il recente processore Snapdragon 865 Plus.

Secondo le precedenti indiscrezioni, il Galaxy Tab S7+ avrà uno schermo da 12,4 pollici, quindi andrà a competere con l’iPad Pro da 12,9 pollici. Le fonti di SamMobile affermano che Samsung sceglierà un display AMOLED con risoluzione di 2800×1752 pixel e refresh rate di 120 Hz. Lo schermo supporterà ovviamente la S Pen con chip Bluetooth che l’utente potrà fissare magneticamente sul retro del tablet.

Per quanto riguarda i componenti interni si prevede la presenza del processore Snapdragon 865 Plus, affiancato da 6 o 8 GB di RAM e 128/256 GB di storage, espandibili con schede microSD. La connettività verrà sicuramente garantita dai moduli WiFi 802.11ax (Wi-Fi 6) e Bluetooth 5.0. Il produttore offrirà una variante 5G compatibile con le reti sub-6GHz, ovvero con le bande di frequenza più diffuse nel mondo. Non mancherà sicuramente il lettore di impronte in-display.

Il Galaxy Tab S7+ avrà inoltre una fotocamera frontale da 8 megapixel e due fotocamere posteriori da 13 e 5 megapixel. La batteria delle varianti LTE e 5G dovrebbe avere una capacità di 10.090 mAh e supportare la ricarica rapida da 45 Watt, ma nella confezione potrebbe essere inserito un alimentatore da 25 Watt, come per i Galaxy S20 Ultra e Galaxy Note 10+. Il sistema operativo sarà certamente Android 10 con interfaccia One UI 2.5. Ulteriori informazioni verranno divulgate nel corso delle prossime settimane.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.