Mozilla Firefox

Security

Guida ai browser Web alternativi basati su Mozilla Firefox

Alfonso Maruccia | 22 Ottobre 2019

Mozilla Servizi Web Sicurezza

Non solo di Chromium vive il Web moderno, e Mozilla Firefox offre un layout engine alternativo su cui diversi sviluppatori […]

Non solo di Chromium vive il Web moderno, e Mozilla Firefox offre un layout engine alternativo su cui diversi sviluppatori hanno costruito la loro offerta di navigazione telematica personalizzata.

Google ha imposto Chrome come il browser Web più popolare in assoluto anche grazie a Chromium, progetto open source che offre un pacchetto “tutto compreso” grazie al quale aziende e sviluppatori possono creare un “nuovo” browser o personalizzare la loro esperienza Web più o meno in ogni dettaglio.

Logo Firefox

Tra le aziende di primaria importanza che hanno scelto Chromium come base per il loro software di navigazione c’è ovviamente Microsoft con la nuova incarnazione di Edge, ma la scelta per un browser “alternativo” non deve necessariamente limitarsi al solito, ennesimo e limitatissimo clone di Google Chrome.

Anche Mozilla Firefox, uno dei browser più sicuri, veloci e popolari oggi in circolazione, è un progetto open source che si è conquistato una certa popolarità tra sviluppatori e corporation. Di seguito vengono elencate alcune delle “varianti” sul browser base di Mozilla, a esclusione ovviamente dei semplici rebranding del codice ufficiale per questioni di marchi registrati (vedi il caso Iceweasel su Debian).

Basilisk

Piuttosto che essere una semplice fork di Firefox, Basilisk è un nuovo progetto che intende creare un browser alternativo in grado di fornire la stessa libertà di personalizzazione disponibile sulla versione pre-Quantum del software Mozilla. Basilisk implementa una nuova piattaforma XUL chiamata Unified XUL Platform (UXP), un layout engine derivato da quello nativo di Firefox (Gecko) chiamato Goanna e al momento è, avvertono gli sviluppatori, un software perennemente in beta.

Basilisk

Pagina ufficiale del progetto Basilisk

Cliqz

Cliqz è una variante di Firefox sviluppata dall’omonima società tedesca, un browser che promette di difendere meglio la privacy degli utenti grazie all’uso di meccanismi anti-tracciamento e a un motore di ricerca Web totalmente fatto in casa. Di fatto, Mozilla stessa ha confermato che la “privacy” di Cliqz non vale quando il browser è impegnato a tracciare individualmente i singoli utenti e a trasmettere tutte le relative informazioni – gli indirizzi Web digitali, le ricerche, i movimenti del mouse – ai server dell’azienda.

Pagina ufficiale di Cliqz

Comodo IceDragon

Un’altra società che ha personalizzato Firefox per i propri scopi è Comodo Group, nome noto per l’omonimo firewall software e altri servizi inerenti la sicurezza informatica. Comodo IceDragon è appunto un browser che vuole essere ancora “più sicuro e veloce” di Firefox, l’ultima release del software è basata sulla versione 65 del browser Mozilla e integra alcuni dei suddetti servizi comprensivi di malware scanner, DNS “sicuro” e altro ancora.

Pagina ufficiale di Comodo IceDragon

Pale Moon

Nato per volere degli sviluppatori già impegnati su Basilisk, il progetto Pale Moon è una reincarnazione “indie” di Firefox che ha scelto di non tagliare i ponti con il passato glorioso della community del browser Mozilla nell’era pre-Quantum. Pale Moon continua a supportare le vecchie estensioni in standard XUL, elimina ogni dipendenza dai server Mozilla e seleziona in maniera specifica quali aggiornamenti di Firefox (soprattutto sul fronte sicurezza) integrare nel suo codice. Anche l’interfaccia è da “vecchia scuola”, persino precedente allo spartiacque di Australis, mentre non è al momento disponibile alcuna possibilità di navigare in una modalità multi-processo in grado di migliorare le prestazioni come succede con Firefox Quantum.

Pale Moon

Pagina ufficiale del progetto Pale Moon

Tor Browser

Sviluppato al scopo specifico di fornire un punto di accesso pratico e veloce alla darknet di Tor, il Tor Browser è di fatto una versione di Mozilla Firefox (ESR) decisamente “castrata” in quanto a telemetria, componenti aggiuntivi e possibili vie di attacco da parte di malintenzionati. Di fatto, Tor Browser è probabilmente l’unica vera alternativa a Firefox (basata su Firefox) che può vantare un rispetto quasi ossessivo per la privacy dell’utente e per la sicurezza della navigazione Web. Non che i criminali possano farla franca solo usando Tor, beninteso.

Logo Tor

Pagina ufficiale del progetto Tor

Waterfox

Anche Waterfox, come già fatto da Pale Moon, è un progetto derivato da Firefox che intende continuare a supportare le estensioni classiche e vuole distanziarsi dalle ultime politiche adottate da Mozilla pur offrendo un’esperienza di navigazione sicura, performante e rispettosa della privacy dell’utente. Il codice sorgente di partenza è sempre quello ma i risultati – sostengono gli sviluppatori – sono totalmente indipendente dalle esigenze aziendali di Mozilla.

Waterfox

Pagina ufficiale del progetto Waterfox

Come questo breve excursus (in rigoroso ordine alfabetico) sta a dimostrare, il Web moderno non deve necessariamente essere prono alle necessità dell’onnipresente Google e del suo business dell’advertising. Di fatto, chi oggi è alla ricerca di un software di navigazione sicuro, rispettoso della privacy, performante e al passo coi tempi ha davvero l’imbarazzo della scelta grazie alla natura open source di un progetto nato per iniziativa di tre dipendenti Netscape nell’oramai lontanissimo settembre del 2002.

Mozilla Firefox

Software

Download del giorno: Mozilla Firefox 84.0

Alfonso Maruccia | 16 Dicembre 2020

Browser Web Download del giorno Mozilla

Mozilla ha distribuito l’ultima versione dell’anno di Firefox, browser open source che migliora sul fronte delle prestazioni con i nuovi chip M1 di Apple.

Mozilla ha distribuito il solito aggiornamento mensile per Firefox, unico browser open source rimasto sul mercato alternativo allo strapotere di Google Chrome e relativi cloni basati sul progetto Chromium. Una release che si caratterizza ancora una volta per il miglioramento delle prestazioni, soprattutto sul nuovo SoC ARM di Apple e su Linux.

La caratteristica saliente di Mozilla Firefox 84.0 è infatti il supporto nativo per i nuovo SoC ARM di Apple (M1), fatto che migliora in maniera sensibile le performance (secondo quanto sostiene la corporation) rispetto alle precedenti build non native di Firefox 83.

Grazie all’uso del codice nativo, su Apple M1 Firefox 84.0 si avvia 2,5 più velocemente e le “web app” sono responsive il doppio. Le prestazioni migliorano anche su Linux, dove la nuova versione del browser FOSS utilizza tecniche di allocazione della memoria condivisa più moderne.

Altre novità di Mozilla Firefox 84.0 includono un’estensione del supporto a WebRender su Windows, macOS Big Sur e Linux, con GPU integrate Intel Gen 6 (nel caso di Windows). Presenti inoltre svariati bugfix, e l’ultimo mese di supporto garantito al Flash Player prima del suo pensionamento definitivo a gennaio.

Mozilla Firefox 84.0 è come sempre disponibile per il download per via automatica, tramite la funzionalità di aggiornamento integrata nel browser, sulla pagina di download ufficiale indicata qui di seguito oppure tramite i soliti canali avanzati.

Pagina ufficiale del download di Mozilla Firefox 84.0 per Windows, Linux e mac

Mozilla

News

Mozilla, ricavi raddoppiati nel 2019

Alfonso Maruccia | 11 Dicembre 2020

Browser Web Google Mercato Mozilla

Durante l’anno passato, Mozilla ha guadagnato quasi il doppio dei ricavi del 2018. Un risultato che probabilmente dipende dalla causa legale contro Yahoo!, e che non cambia molto per il futuro della corporation.

Mozilla ha pubblicato il nuovo rapporto indipendente sullo stato dei conti per il 2019, un documento molto interessante per valutare lo stato di salute della corporation e ipotizzare le prospettive future. Un futuro che, ricavi raddoppiati a parte, continua a essere estremamente incerto se non del tutto negativo.

Secondo l’ultimo rapporto di Mozilla, la situazione finanziaria della corporation non potrebbe essere migliore. Nel 2019 i guadagni sono arrivati a 828 milioni di dollari, quasi raddoppiando la cifra del 2018 ($450 milioni). Il grosso dei ricavi di Mozilla deriva dalle partnership per l’inclusione dei motori di ricerca nelle diverse versioni regionali del browser Firefox, e nel 2019 tali accordi hanno pesato per $451 milioni totali.

Nuovo logo Mozilla Firefox

L’altra fetta significativa di ricavi (338 milioni di dollari) è segnata nel rapporto come proveniente da “altre” fonti, e vista la corrispondenza delle cifre potrebbe trattarsi della somma richiesta da Mozilla nella causa contro Yahoo! per il search. Tolta quella fonte aggiuntiva e una tantum, insomma, Mozilla è sempre e comunque dipendente dagli accordi con i motori di ricerca per continuare a esistere nella sua forma attuale.

Google, in particolare, vale ancora il 73% dei ricavi del 2019 e continuerà a fornire ossigeno a Mozilla per almeno altri tre anni. Le fonti di guadagno alternative non si sono ancora materializzate, la corporation ha già licenziato centinaia di dipendenti e dismesso servizi ritenuti economicamente non profittevoli. Ora che anche ChrEdge ruba quote di mercato a Firefox, Mozilla sembra avviata sullo stesso percorso che ha consegnato la storica Netscape al dimenticatoio della storia.

Mozilla Firefox

Software

Download del giorno: Mozilla Firefox 83.0

Alfonso Maruccia | 19 Novembre 2020

Browser Web Download del giorno Mozilla

Mozilla ha distribuito una nuova versione di Firefox, browser open source che migliora sul fronte delle prestazioni nel caricamento del codice JavaScript e non solo.

Mozilla ha distribuito il solito aggiornamento mensile per Firefox, unico browser open source rimasto sul mercato alternativo allo strapotere di Google Chrome e relativi cloni basati sul progetto Chromium. Una release che si caratterizza ancora una volta per il sensibile miglioramento delle prestazioni.

Con Mozilla Firefox 83.0 gli utenti dovrebbero fruire di una navigazione Web molto più veloce e reattiva, grazie alle modifiche all’engine JavaScript del browser FOSS (SpiderMonkey) e a un incremento di performance del 15% nel caricamento delle pagine, del 12% nella responsività. Ridotto altresì dell’8% il consumo di memoria RAM.

Firefox 83.0 include poi la tanto chiacchierata modalità HTTPS-only, con avvisi nel caso in cui l’utente provasse a visitare siti privi di certificato TLS, il supporto al “pitch-to-zoom” su dispositivi (Windows) con touchscreen, una migliore gestione dei contenuti multimediali in modalità picture-in-picture.

La release 83.0 di Firefox offre poi miglioramenti alle funzionalità di ricerca del browser dalla Barra degli indirizzi, il supporto di AcroForm per la modifica dei PDF nel visualizzatore integrato, bugfix vari e la correzione di diverse vulnerabilità di sicurezza.

Mozilla Firefox 83.0 è come sempre disponibile per il download per via automatica, tramite la funzionalità di aggiornamento integrata nel browser, sulla pagina di download ufficiale indicata qui di seguito oppure tramite i soliti canali avanzati.

Pagina ufficiale del download di Mozilla Firefox 83.0 per Windows, Linux e macOS

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.