Internet Explorer

Internet Explorer 11 e vecchio Edge, addio nel 2021

Gli utenti Microsoft 365 non potranno più accedere con Internet Explorer 11 dal 17 agosto 2021, mentre il supporto per il vecchio Edge terminerà il 9 marzo 2021.

Microsoft ha comunicato che Internet Explorer 11 e il vecchio Edge non riceveranno più supporto nel 2021. La novità riguarda gli utenti che usano le app e i servizi di Microsoft 365 e quelli che usano la versione web di Microsoft Teams. L’azienda di Redmond consiglia di installare il nuovo Edge basato su Chromium che include la modalità IE.

In dettaglio, Microsoft ha comunicato che la web app di Microsoft Teams non supporterà più IE11 a partire dal 30 novembre 2020, mentre gli altri servizi di Microsoft 365 non supporteranno più il browser dal 17 agosto 2021. Dopo queste date, gli utenti non potranno più accedere a Microsoft 365. Per usufruire delle funzionalità complete sarà obbligatorio l’uso del nuovo Microsoft Edge, in quanto IE11 non supporta le moderne tecnologie web e non offre la sicurezza necessaria.

IE11 Edge roadmap

L’azienda di Redmond sottolinea tuttavia che IE11 riceverà ancora aggiornamenti, in quanto è un componente di Windows 10 e Windows 8.1 (pertanto il suo ciclo di vita terminerà insieme a quello dei sistemi operativi). Inoltre sarà ancora possibile utilizzare la modalità IE del nuovo Edge per eseguire le web app aziendali.

Per quanto riguarda invece il vecchio Edge, Microsoft ha annunciato che non distribuirà più aggiornamenti di sicurezza dopo il 9 marzo 2021. Anche in questo caso, l’invito è installare il nuovo Edge. È possibile effettuare il download dal sito ufficiale o tramite Windows Update, in attesa di Windows 10 20H2 che includerà il browser.

A proposito del nuovo Edge, Microsoft ha pubblicato una curiosa pagina di supporto dal titolo “Can’t uninstall Microsoft Edge“. Probabilmente questa è la ricerca effettuata su Internet da molti utenti perché, come conferma la stessa Microsoft, il browser non può essere eliminato se installato da Windows Update. In realtà esistono almeno due metodi, ma non sono indicati per gli utenti poco esperti. L’unica soluzione valida è bloccare il download.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.