NASA sulla Luna

Nokia, una rete cellulare 4G sulla Luna

NASA ha deciso di finanziare Nokia e il suo progetto di portare le comunicazioni 4G sulla Luna. Una tecnologia potenzialmente vitale per la colonizzazione del satellite terrestre.

Mentre sulla Terra l’obiettivo è trasformare le promesse del 5G in realtà, sulla Luna Nokia vuole costruire un nuovo network cellulare in standard 4G. E non è fantascienza ma puro business, visto che ora ci sono anche i finanziamenti concreti grazie al contributo di NASA.

L’agenzia spaziale statunitense ha infatti annunciato la concessione di un fondo da 14,1 milioni di dollari per Nokia, con l’obiettivo specifico di costruire una rete di comunicazione in 4G “spaziale” in grado di portare le telefonate cellulari sulla Luna.

Nokia

NASA lavora da tempo al progetto Artemis per il ritorno dell’uomo (e della donna) sulla Luna con l’obiettivo di stabilire una colonia umana permanente, un’iniziativa ambiziosa che può contare anche sul contributo delle agenzie spaziali di altri paesi e delle aziende private. Nokia, assieme a Vodafone, avevano già in programma una missione lunare (poi annullata) nel 2018.

Secondo NASA, il sistema sviluppato dalla corporation finlandese potrebbe funzionare da supporto per le comunicazioni lunari migliorando la velocità e l’affidabilità degli standard attuali. Se l’esperimento avrà successo, le comunicazioni 4G di Nokia potrebbero estendersi anche alle sonde e ai veicoli spaziali in orbita intorno alla Luna.

I $14 milioni concessi a Nokia fanno parte dell’iniziativa Tipping Point, pensata per promuovere la realizzazione di una nuova “infrastruttura lunare” da impiegare per la cooperazione internazionale nelle missioni sul satellite terrestre. L’ultima tornata di finanziamenti include fondi per 370 milioni di dollari, con contratti che in larga misura coinvolgono nomi noti del settore spaziale privato come SpaceX e United Launch Alliance.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.