Oculus Quest

Addio a Oculus Go, Facebook seppellisce la VR low-cost

Facebook ha annunciato l’abbandono di Oculus Go, caschetto VR di fascia bassa che non ha raggiunto i risultati sperati. Il futuro è Oculus Quest, e il gaming in virtualità.

Due anni dopo il debutto ufficiale sul mercato, Oculus Go è già pronto per il boia inflessibile della storia e per i ceppi. Facebook ha annunciato la fine delle vendite del caschetto per la VR low-cost, candida ammissione di un insuccesso che però non riguarda (almeno sulla carta) l’intero mercato delle esperienze in realtà virtuale.

Oculus Go ha rappresentato la prima prova di Facebook nel business della VR in seguito all’acquisizione di Oculus: al prezzo decisamente abbordabile di $200, il caschetto avrebbe dovuto servire adeguatamente l’esigenza delle masse di guardare i film e i contenuti video in un ambiente virtuale simil-cinema. Per il gaming e le altre applicazioni VR “seriose”, invece, ci sono Oculus Quest e il ben più costoso Rift.

Oculus VR

Come l’annuncio di Facebook sta a dimostrare, l’esigenza delle masse di guardare i video con uno scomodo caschetto sulla testa è stata grandemente sopravvalutata. La corporation continuerà a supportare Go con aggiornamenti alle app fino a dicembre 2020, mentre i bugfix e le patch continueranno ad arrivare almeno fino al 2022.

Per Facebook e Oculus, il futuro della realtà virtuale fa ora rima esclusivamente con il gaming. Il colosso dell’advertising (e dei social) ha in tal senso investito un bel po’ di quattrini acquisendo Sanzaru Games, Beat Games e Ready at Dawn, tre studios impegnati appunto nella produzione di esperienze VR a tema ludico. In futuro, dicono i rumor, dovrebbe arrivare una seconda generazione di Oculus Quest con specifiche hardware migliorate e un peso ridotto.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.