Summit supercomputer

Summit, il più potente supercomputer USA contro il COVID-19

Le autorità statunitensi arruolano il loro supercomputer più potente nella lotta contro il COVID-19. Summit accelererà la ricerca delle potenziali soluzioni farmacologiche contro il coronavirus.

La rete globale di super-sistemi ad alte prestazioni (HPC) arruolati contro il COVID-19 può contare su un consorzio capitanato dalle aziende hi-tech, il sistema di calcolo distribuito di [email protected] e le nuove super-macchine in via di realizzazione presso l’accademia statunitense. Donald Trump permettendo, a combattere la diffusione incontrollata dell’agente patogeno più pericoloso dall’avvento della Spagnola ci sarà ora anche il supercomputer Summit.

Entrato in funzione nel 2018, Summit è il sistema HPC attualmente più potente a disposizione degli Stati Uniti. Gestito dal Dipartimento dell’Energia (DOE) e installato presso l’Oak Ridge National Laboratory, Summit ha una capacità di calcolo massima teorica di 200 petaFLOPS – o 200.000 biliardi di calcoli in virgola mobile al secondo.

La potenza di Summit si unirà alle iniziativa già in essere per accelerare la ricerca contro il COVID-19. In particolare, dice il DOE, il super-sistema statunitense metterà a frutto la sua “insuperata capacità di analizzare enormi set di dati integrati” per estrapolare informazioni sui possibili trattamenti farmacologici contro il coronavirus.

Fin dall’inizio dell’anno, Summit era già stato impiegato nella ricerca sul COVID-19, mettendo a disposizione del Centro contro le malattie infettive americano (CDC) e l’OMS la potenza necessaria a modellare il comportamento e la struttura proteica del virus.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.