AMD Ryzen 9 5900X

Ryzen 5000: AMD svela la piattaforma Zen 3

Come da programma, ieri AMD ha presentato i nuovi processori Ryzen 5000. L’architettura Zen 3 batte Intel su tutta la linea, promette Santa Clara, nella produttività come nel gaming.

Il tanto atteso “momento Zen” di AMD è finalmente arrivato nella giornata di ieri. La corporation americana ha presentato le caratteristiche salienti della nuova architettura Zen 3, svelando al contempo le CPU della serie Ryzen 5000 per desktop ad alte prestazioni. E che prestazioni: i chip Zen 3 superano quelli della concorrenza in ogni scenario applicativo, sostiene AMD.

Zen 3 usa lo stesso processo produttivo di Zen 2 (7nm), ma il design dei chip è stato completamente reingegnerizzato per ridurre al minimo le latenze e incrementare le performance in ogni modo possibile. Diversamente dal passato tutti i core delle CPU Ryzen 5000 avranno accesso alla medesima memoria cache di terzo livello da 32MB, e nel complesso Zen 3 garantirà in media un miglioramento nelle prestazioni IPC (istruzioni-per-clock) del +19%.

AMD Lisa Su Zen 3

Con Zen 3 AMD non si accontenta più di avere i processori più economici e convenienti in commercio, ora la corporation mira al podio delle prestazioni assolute nei videogiochi, nella produttività, nella creazione dei contenuti. Di conseguenza, e non potrebbe essere altrimenti, anche il costo dei singoli chip risulta ora superiore e maggiormente in linea con i prodotti della concorrenza.

I chip, dunque: la linea Ryzen 5000 succede ai processori desktop Zen 2 (Ryzen 3000) e a quelli mobile (Ryzen 4000) ed è basata esclusivamente sulla nuova architettura Zen 3, con un’offerta che include quattro diverse unità computazionali x86. Si va dalla CPU di punta Ryzen 9 5950X (16 core/32 thread, Turbo Boost fino a 4,9GHz, TDP da 105W) fino a Ryzen 5 5600X (6C/12T, fino a 4,6GHz, 65W), con prezzi variabili tra $800 e $300.

AMD Ryzen 5000

A esclusione di Ryzen 5 5600X, tutti i nuovi chip Zen 3 verranno commercializzati privi di dissipatore integrato per dare spazio alle soluzioni di terze parti. La disponibilità delle CPU Ryzen 5000 è fissata per il 5 novembre, e al momento non è previsto alcun nuovo chipset: le motherboard delle serie 400 e 500 saranno compatibili con Zen 3 dopo gli opportuni aggiornamenti al firmware distribuiti al momento del lancio (per la serie 500) o a gennaio 2021 (400).

Stando ai benchmark selezionati e presentati da AMD, Zen 3 e Ryzen 5000 sono in grado di detronizzare le più veloci CPU Intel attuali della piattaforma Comet Lake-S nei calcoli per il rendering tridimensionale, i videogiochi e tutto quanto. Una pretesa che andrà ovviamente verificata in fase di recensione con scenari applicativi un po’ meno favorevoli ai piani di marketing di Santa Clara.

Radeon RX 6000

Alla fine della presentazione, AMD ha voluto piazzare un teaser strategico riguardo Radeon RX 6000: la prima GPU “Big Navi” verrà presentata solo alla fine del mese, ma Lisa Su ha confermato ancora una volta che la corporation intende puntare molto in alto. I primi benchmark (sempre opportunamente selezionati da AMD) parlano di prestazioni leggermente inferiori alla tutt’ora introvabile GeForce RTX 3080.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.