GeForce Ampere

GeForce RTX 3070: economica, potente e con meno VRAM del previsto

La nuova GPU GeForce RTX 3070 arriverà a breve, e le indiscrezioni confermano che avrà potenza da vendere. Ma includerà meno RAM di quanto dicevano i rumor del recente passato.

La prossima settimana segnerà il debutto di GeForce RTX 3070, la “piccola” GPU NVIDIA destinata a completare la prima linea delle generazione Ampere accanto a GeForce RTX 3080 e alla “mostruosa” (e sostanzialmente inutile per il gaming) GeForce RTX 3090. Gli ultimi rumor sulla scheda confermano quanto già emerso nei mesi scorsi, deludendo invece chi desiderava l’adozione di un maggiore quantitativo di RAM da parte di NVIDIA.

I rumor passati descrivevano infatti il debutto, nel prossimo futuro, di una versione di GeForce RTX 3080 dotata di 20GB di VRAM (contro i 10GB attuali) e una GeForce RTX 3070 con 16GB di VRAM. Secondo le ultime indiscrezioni, invece, NVIDIA avrebbe comunicato ai partner OEM l’intenzione di non aggiungere più RAM a quanto già previsto dai design precedenti.

NVIDIA GeForce RTX 3000 - 1

NVIDIA sostiene di aver deciso il quantitativo di RAM da adottare per le nuove GeForce come compromesso tra le specifiche estreme e la convenienza economica. E che i 10GB di GeForce RTX 3080 sono comunque più che sufficienti a gestire i videogiochi di ultimissima generazione al massimo della risoluzione e qualità delle texture. Ma le GPU Radeon RX 6000 potrebbero rimescolare le carte offrendo un quantitativo di VRAM superiore a quello delle schede della concorrenza.

Questione memoria a parte, l’attesa del pubblico per RTX 3070 è già altissima: la GPU Ampere “minore” dovrebbe secondo indiscrezioni avere una potenza sufficiente a superare in performance RTX 2080 Ti, la GeForce Turing di fascia altissima ancora venduta a un prezzo 2-3 volte superiore. La speranza, questa volta, è che NVIDIA e partner OEM portino sul mercato un numero quantomeno decente di nuove GPU per l’acquisto da parte degli utenti finali.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.