Samsung Galaxy Fold

Samsung Galaxy Z Fold 2, primo render ufficiale

Il primo render ufficiale del Samsung Galaxy Z Fold 2 svela la presenza di due schermi Infinity-O e un modulo fotografico simile a quello dei Galaxy Note 20.

Dopo varie settimane di indiscrezioni sulle specifiche è arrivato il momento di conoscere il design del Galaxy Z Fold 2 che Samsung annuncerà durante l’evento Unpacked del 5 agosto. Il noto leaker Ishan Agarwal ha condiviso su Twitter il primo render ufficiale dello smartphone pieghevole. Il collega Evan Blass ha invece pubblicato un video che mostra l’aspetto del Galaxy Note 20.

Anche se l’immagine è piuttosto sfocata si possono vedere ugualmente le principali differenze rispetto all’attuale Galaxy Fold. Si nota in particolare il modulo fotografico posteriore con un design simile a quello dei Galaxy Note 20. Il render mostra solo due lenti, ma dovrebbe esserci una terza lente. Per i sensori si prevedono risoluzioni di 64, 12 e 12 megapixel (standard, ultra grandangolare e tele con zoom ottico 3x).

Samsung Galaxy Z Fold 2 render

Lo schermo esterno, che dovrebbe avere una diagonale di 6,23 pollici, ha un foro al centro della parte superiore, in corrispondenza della fotocamera da 10 megapixel. Anche lo schermo interno da 7,7 pollici dovrebbe essere Infinity-O con un singolo foro per la fotocamera, invece del “corner notch” usato nel Galaxy Fold. Il render mostra inoltre la griglia per l’altoparlante e la porta USB Type-C.

Il Galaxy Z Fold 2 verrà annunciato insieme ad altri prodotti, tra cui i Galaxy Note 20 e Note 20 Ultra. Quest’ultimo è stato “leaked” più volte (anche dalla stessa Samsung), mentre ora è apparso online un video del modello base che svela il design.

Il Galaxy Note 20 avrà uno schermo flat (probabilmente da 6,4 pollici) con un foro al centro della parte superiore, in corrispondenza della fotocamera frontale. Il modulo fotografico posteriore ha lo stesso design e include tre lenti, ma è assente l’autofocus laser disponibile sul Galaxy Note 20 Ultra. Questo modello dovrebbe anche avere un teleobiettivo tradizionale, invece del teleobiettivo a periscopio.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.