Logo Steam

Steam e il “meglio del 2019” per i giochi su PC

Lo store digitale di Valve pubblica i suoi consuntivi per l’anno appena concluso, con conferme e novità per un business – quello dei videogiochi per PC – più in salute che mai.

Per conoscere l’andamento del business videoludico di Steam occorre in genere fare le pulci al servizio tramite un sito come Steam Database, ma alla fine dell’anno è Valve stessa a fornire qualche interessante spunto di discussione pubblicando la sua retrospettiva ufficiale delle “nuove uscite e dei titoli più giocati e venduti dell’anno”.

Il Meglio del 2019 di Steam presenta in buona sostanza i giochi più venduti tramite il servizio di digital delivery videoludico più popolare su PC, le novità con maggiore appeal, i titoli che hanno totalizzato il maggior numero di giocatori simultanei e altro ancora.

Steam, Il Meglio del 2019 - 1

Nella categoria del giochi più venduti in base ai ricavi lordi totali del 2019, Steam segnala la perdurante popolarità dei titoli free-to-play (dove “venduti” è un vocabolo oggettivamente usato un po’ a sproposito) come l’immancabile DOTA 2 che conquistato lo status di vendite “Platino”. Notevole il successo anche per Civilization VI, l’action-adventure Sekiro: Shadows die twice, e l’immarcescibile Grand Theft Auto V.

Dopo i giochi Platino ci sono quelli “Oro” come Halo: The Master Chief Collection, Star Wars Jedi: Fallen Order, The Witcher III (un gioco vecchio di quattro anni) e Assassin’s Creed: Odyssey. Limitatamente ai soli giochi usciti nel 2019, invece, le vendite hanno premiato tra gli altri Red Dead Redemption II, Halo, Sekiro, il remake di Resident Evil 2 e Fallen Order.

Steam, Il Meglio del 2019 - 2

Un altro elenco molto interessante è poi quello dei titoli più giocati del 2019, ovvero i giochi con il maggior numero di utenti connessi contemporaneamente ai server di Steam: le esperienze interattive con più di 100.000 giocatori simultanei comprendono Sekiro, Destiny 2, PUBG, Halo, l’action-RPG Path of Exile e ancora GTA V. Di particolare interesse il posizionamento del gioco di ruolo The Witcher III, che a quattro anni dal debutto è ancora in grado di tenere decine di migliaia di utenti incollati allo schermo grazie al successo dell’omonima serie Netflix (“The Witcher”) – anch’essa, come il gioco, basata sulla serie di libri fantasy di Andrzej Sapkowski.

PCProfessionale © riproduzione riservata.