AMD Radeon RX 6000

Radeon RX 6000, AMD all’assalto di NVIDIA

AMD ha finalmente svelato le sue GPU di nuova generazione, con tre diversi modelli di Radeon RX 6000 pensati per dare battaglia (e in teoria battere) le GeForce RTX 30 di NVIDIA.

Come previsto e promesso nel giorno della presentazione di Zen 3 e delle CPU Ryzen 5000, AMD ha nelle scorse ore svelato ufficialmente le sue proposte per la grafica accelerata su PC. Big Navi, la next-generation delle GPU in rosso, include tre diversi modelli che hanno l’obiettivo dichiarato di sottrarre a NVIDIA il predominio sul mercato.

Le schede Big Navi rappresentano la prima declinazione PC di RDNA 2, architettura di GPU adottata (e adattata) da AMD per lo sviluppo delle unità di calcolo SoC (CPU x86+GPU) integrate nelle console di nona generazione PS5 e Xbox Series X|S. Con la serie Radeon RX 6000, promette Santa Clara, le prestazioni raddoppiano rispetto alla generazione precedente (RX 5700 XT) e i consumi sono “calmierati” rispetto alla concorrenza.

La prima scheda RDNA 2 è Radeon RX 6800, la “piccola” GPU della cucciolata Big Navi che include 60 Compute Unit, un clock massimo di 2105 MHz e 16,17 teraFLOPS di potenza. Al costo di $579, Radeon RX 6800 dovrebbe secondo i benchmark di AMD superare la GPU RTX 2080 Ti di NVIDIA e quindi vedersela ad armi pari con la futura NVIDIA GeForce RTX 3070.

La seconda GPU RDNA 2 è Radeon RX 6800 XT, la risposta diretta a GeForce RTX 3080 con 72 CU, clock Boost da 2250 MHz, 20,74 teraFLOPS di potenza e un costo da $649. La terza GPU di AMD è infine Radeon RX 6900 XT, che per $1.000 promette di contrastare (o persino superare) il “mostro” GeForce RTX 3090 con clock da 2250Mhz e 21,04 teraFLOPS. La memoria è pari a 16GB per tutte e tre le schede, una scelta in controtendenza rispetto a NVIDIA che ha equipaggiato un quantitativo di VRAM diverso per ogni GPU.

Radeon RX 6000

Le GPU Radeon RX 6000 sono più economiche di quelle NVIDIA e consumano meno, promette AMD, offrendo al contempo prestazioni in linea o migliori delle GeForce Ampere. RDNA 2 è un’architettura nata per battere la concorrenza nel gaming a risoluzioni 1440p o Ultra HD, dice ancora la corporation, e se usata assieme alle CPU Ryzen 5000 da il meglio di se grazie a una tecnologia di accesso privilegiato alla VRAM chiamata Smart Access Memory.

Come prevedibile, viste le funzionalità delle nuove console Sony e Microsoft, anche le GPU AMD supportano l’accelerazione hardware della grafica illuminata in ray tracing. Radeon RX 6000 supporta inoltre le DirectX 12 Ultimate, una versione estesa delle librerie grafiche FidelityFX, e c’è persino la controparte dell’interpolazione tramite IA di DLSS chiamata Super Resolution. La differenza, in questo caso, è che Super Resolution sarà una soluzione open source e non proprietaria come quella di NVIDIA.

Radeon RX 6800, Radeon RX 6800 XT e Radeon RX 6900 XT arriveranno nei negozi il 18 novembre (le prime due) e l’8 dicembre, e AMD si è già impegnata a combattere gli speculatori e a portare sul mercato un numero di GPU sufficiente a soddisfare la domanda degli acquirenti. L’attesa ora si sposta sulle recensioni indipendenti, per confermare (o confutare) la presunta superiorità delle nuove soluzioni grafiche della corporation di Lisa Su sulle potentissime (e tutt’ora introvabili) GeForce RTX 3080 e RTX 3090.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.