Project xCloud

Microsoft porta il cloud gaming su iOS e PC

Microsoft ha comunicato che il servizio di cloud gaming sarà accessibile anche da PC Windows e dispositivi iOS a partire dalla primavera del 2021.

Microsoft ha annunciato un’importante novità per la sua piattaforma di cloud gaming. Il servizio gioco via cloud (noto in precedenza con il nome in codice Project xCloud), che consente di accedere ad un vasto catalogo di titoli tramite l’abbonamento Xbox Game Pass Ultimate, sarà disponibile anche su Windows 10 e iOS (via browser) entro la primavera del 2021.

Attualmente il servizio di cloud gaming è accessibile solo da smartphone e tablet Android mediante l’app Xbox Game Pass che può essere scaricata dal Google Play Store o dal Samsung Galaxy Store. Altri requisiti minimi sono un controller Bluetooth (quello della Xbox o altri compatibili), una connessione che offra almeno 10 Mbps in download e ovviamente l’abbonamento a Xbox Game Pass Ultimate (12,99 euro/mese). Il servizio è disponibile in diversi paesi, Italia inclusa.

A partire dalla primavera 2021, gli utenti potranno accedere al servizio di cloud gaming anche da computer Windows con app Xbox o browser e da dispositivo iOS con browser mobile. Microsoft conferma dunque quanto anticipato all’inizio di ottobre. L’app nativa per iOS non verrà sviluppata, in quanto Apple impedisce la pubblicazione su App Store (ogni gioco deve essere verificato). Il “trucco”, usato anche da Google Stadia, NVIDIA GeForce NOW e Amazon Luna, prevede l’accesso tramite web app.

Il post che annuncia la novità include alcuni dati relativi all’uso delle nuove console: oltre il 40% dei nuovi utenti hanno giocato con la Xbox Series S, vendite record per Xbox Series X|S in Francia, Germania e Regno Unito, oltre 1,6 milioni di aggiornamenti distribuiti tramite la funzionalità Smart Delivery.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.